Porta il figlio alle giostrine ma sono ancora in corso i lavori di ristrutturazione. Violano la recinzione ed entrano nel cantiere di Piazza Nazionale. Borrelli:” pericoloso e diseducativo.”

Un padre che porta il proprio bambino alle giostre sarebbe l’immagine di un genitore premuroso ed attento alle esigenze dei figli. Sarebbe così se non fosse per il fatto che l’area giochi, in questo caso, è ancora interessata da lavori di manutenzione, un cantiere aperto con tanto di recinzione.

Si tratta del parchetto di Piazza Nazionale dove lo scorso settembre è stato dato il via ai lavori di ripristino dopo i diversi atti vandalici che hanno distrutto i giochi.

Il genitore incauto e sregolato che ha violato la recinzione assieme al proprio figlio è stato immortalato in uno scatto, eseguito dall’associazione “Fatti di Napoletani perbene”, che diversi cittadini hanno segnalato al deputato dell’alleanza Verdi-Sinistra Francesco Emilio Borrelli.

“Se un genitore mostra al proprio figlio come si vive violando le regole mettendone a rischio anche l’incolumità poi non dobbiamo stupirci di vivere in una società dove sempre più giovani sono fuori controllo. Manca il senso civico ed il rispetto delle regole alla base dell’educazione, e questo è palese. “- dichiara Borrelli “Quest’area giochi è stata troppo spesso oggetto di atti vandalici e quindi, una volta che i lavori saranno conclusi, bisogna difenderla da ‘ distruttori’ ed incivili. Anche se finora siamo rimasti inascoltati, noi abbiamo dato una soluzione per tutelare gli spazi per i più piccoli: darli in affidamento a privati, enti o associazioni, che, in cambio della gestione di una piccola buvette, devono prendersene cura e regolare il flusso di utenti chiudendo anche a chiave la sera, dopo l’orario di chiusura.”

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn