Furto in ambulanza. Rubano uno zaino mentre gli operatori soccorrono una ragazza. Borrelli: “Chi ruba a chi salva vite è un reietto. Punizione durissima per dare un esempio.”

A Napoli il personale sanitario è nuovamente vittima dei delinquenti.

Questa mattina è stato commesso un furto all’interno di un ‘autoambulanza del 118 mentre gli operatori stavano soccorrendo una giovane donna.

Ne dà notizia l’associazione “Nessuno tocchi Ippocrate”:

“Stamane alle ore 6:00 una ambulanza del 118 di Napoli (postazione di Piazza Municipio) viene allertata per giovane ragazza in stato di ebrezza alcolica a via Toledo a Napoli. Come di consuetudine l’equipaggio scende in strada per soccorrere la paziente a pochi metri dal mezzo di soccorso……l’autista soccorritore una volta rientrato al posto guida fa l’amara scoperta; qualcuno aveva rubato il suo zaino personale.In questi minuti l’equipaggio è alla questura di Via Medina a sporgere regolare denuncia.Chiediamo alla ASL Napoli 1 Centro che vengano interrogate le telecamere del mezzo di soccorso al fine di individuare il colpevole.NON C’è MAI FINE AL PEGGIO!Il nostro appello al “mariuolo” di turno: “ porta lo zaino con il suo contenuto alla questura di via Medina entro oggi, tanto all’interno non hai trovato oggetti di valore ,ma solo documenti indispensabili ad un lavoratore che ha l’unica colpa di -aiutare gli altri-!”P.S.: l’autista soccorritore non potrà tornare a casa dopo 12 ore di lavoro perché nello zaino c’erano le chiavi della macchina”.

 “Si tratta dell’ennesimo episodio vergognoso che condanniamo senza ma e senza se”- commenta il deputato dell’alleanza Verdi-sinistra Francesco Emilio Borrelli- “Rubare è già di per sé qualcosa di indegno, farlo a chi si prodiga per salvare vite umane è da reietti. Ci auguriamo che il ladro venga presto individuato e punito duramente, per dare un esempio. Al personale sanitario va la nostra totale e più sincera solidarietà.”

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn