Fermi i lavori per demolizione del ponte delle Repubbliche Marinare. 

Lo sfogo di commercianti e residenti: “Cantiere fermo da un mese e con la strada deviata non lavoriamo più. Temiamo che l’amianto arrivi nelle nostre case.

Borrelli:” Esigiamo di conoscere le motivazioni. Basta coi cantieri eterni. Se c’è amianto, va bonificata l’area.”

Lo scorso ottobre a Napoli è partito il cantiere per l’abbattimento per il ponte delle Repubbliche Marinare, il cavalcavia che sovrasta la strada di Napoli Est, da tempo inutilizzato, e che era rimasto solo come simbolo del degrado nel quartiere Barra.
A 4 mesi di distanza però, i lavori di demolizione non solo non sono stati completati ma sono addirittura fermi, come hanno segnalato alcuni residenti che si sono rivolti al Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli.
“Sono un commerciante di via delle repubbliche marinare. Mesi fa sono iniziati i lavori per abbattere il ponte ma da 30 giorni i il cantiere si è fermato. A causa dei lavori hanno deviato la strada e noi commercianti abbiamo perso tanto lavoro. Perché stanno perdendo tempo?” – è lo sfogo di uno dei commercianti.
“In via delle Repubbliche Marinare da un mese hanno fermato i lavori per l’abbattimento del ponte perché, secondo quanto riportato da Il Mattino, hanno trovato dell’amianto nel terreno e noi residenti abbiamo paura che possa arrivare nelle nostre case, soprattutto quando c’è vento. ”-racconta un residente. 
“Abbiamo inviato una nota agli uffici tecnici del comune per capire cosa stia accadendo. Abbiamo intenzione di scavare in fondo in questa storia, non vorremmo l’ennesimo cantiere eterno nella nostra città. Si sono dovuti attendere 9 anni per cominciare l’abbattimento del ‘mostro’ di Barra ed ora i lavori si fermano? Vogliamo capirne il motivi e se siano legati alla presenza di amianto che comunque, se c’è,  va rimosso al più presto”- ha dichiarato il Consigliere Borrelli.

video: https://www.facebook.com/francescoemilio.borrelli/videos/675767443778214

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn