A Fuorigrotta fuori al cinema multisala un’enorme parcheggio abusivo a cielo aperto. Borrelli minacciato da due abusivi pregiudicati e legati ai clan durante un sopralluogo:

“Sempre più violenti e pericolosi. Se ne fregano delle multe e dei daspo, le normative attuali non li scalfiscono minimamente”

Questa che sti sta vivendo a Napoli e provincia è davvero una calda estate dal punto di vista dei parcheggiatori abusivi che sono più che mai tornati alla carica.

Sul piatto un mercato illecito talmente ghiotto da far nascere la competizione tra gli abusivi che si spartiscono le zone. Come è accaduto ad esempio a Torre Annunziata. Lo si vede in un filmato pubblicato su alcuni gruppi Facebook.

https://www.facebook.com/francescoemilio.borrelli/videos/126185063850782

 A Napoli città invece, intere aree sono state trasformate in enormi parcheggi abusivi a cielo aperto come Viale dei Giochi del Mediterraneo a Fuorigrotta nei pressi del multisala The Space Cinema. E’ proprio qui che il deputato dell’alleanza Verdi-Sinistra Francesco Emilio Borrelli, che denuncia il fenomeno da diversi anni, ha documentato la situazione durante un sopralluogo. 

Il deputato Borrelli è stato avvicinato da diversi soggetti, uno un pluripregiudicato con precedenti per spaccio e rapina a mano armata ed un altro che ha scontato 11 anni di carcere per associazione camorristica, che lo hanno minacciato ed aggredito verbalmente. Entrambi non hanno alcuna intenzione di cambiare vita o di rispettare le leggi e lo dicono pubblicamente. Solo l’arrivo di polizia e carabinieri è riuscito a placare la situazione e ad evitare il peggio. 

video: https://www.facebook.com/francescoemilio.borrelli/videos/1083814812588768/

https://www.facebook.com/francescoemilio.borrelli/videos/1234019440592886

“Attualmente i parcheggiatori abusivi operanti nel napoletano sono diverse migliaia che hanno occupato militarmente le aree strategiche, come quelle ospedaliere o legate alla movida o all’intrattenimento. Almeno la metà di questi soggetti è direttamente o indirettamente collegata alla camorra e guadagna al mese tra i 1500 e i 6mila euro esentasse. Sono sempre più violenti e pericolosi. Basti vedere cosa accade a me ogni volta che eseguo un sopralluogo oppure le denunce che quotidianamente ci inviano i cittadini. Si sentono invincibili ed intoccabili perché le attuali norme sono deboli ed insufficienti a fermare o almeno ad arginare il fenomeno, questi soggetti se ne fregano delle multe o del daspo. Sono violenti, aggressivi, spregiudicati. Lo diciamo da tempo, servono riforme importanti che noi abbiamo proposto, per certi elementi occorre la pena detentiva.”- queste le parole di Borrelli.

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn